Guido Alfani (1876 - 1940) prete sismologo e i terremoti del 1908, 1915, 1919 e 1920

Quest'anno cade l'ottantesimo anniversario della morte di Guido Alfani e il centenario del terremoto della Garfagnana Lunigiana del 7 settembre 1920. La Fondazione Osservatorio Ximeniano, con il patrocinio dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, intende qui ricordare questi due eventi con una mostra, virtuale a causa della restrizioni imposte dalle disposizioini in materia di contrasto alla pandemia da COVID-19, con una sintesi biografica del grande scienziato scolopio attraverso i momenti più importanti della sua prestigiosa carriera. Questa è stata intensamente vissuta nello studio, anche su terreno dei più importanti terremoti italiani del suo tempo, quelli appunto del 28 dicembre 1908 (M 7, Stretto di Messina), 13 gennaio 1915 (M 7, Marsica), 29 giugno 1919 (M 6.3, Mugello) e 7 settembre 1920 (M 6.5, Garfagnana).

Fra i numerosi settori scientifici di interesse di Alfani come la meteorologia, la radiotecnica e la sismologia, quest'ultima ebbe un ruolo preponderante e di questo si occupa questa mostra. Lasciamo a una testimonianza dello stesso Alfani descriversi:

Una confessione? Eccola: a mio modo faccio il grafologo. Ma mi dedico alla scrittura più bizzarra, arruffata e sincera che esista: quella del terremoto ... Cominciai ad occuparmi di questa appassionante scrittura nel 1896 e vi fui indotto dal grande terremoto di Firenze del 18 maggio 1895. Ma sin da bambino i fenomeni tellurici avevano esercitato su di me un'attrazione irresistibile. Mio padre, con la larghezza di idee che è l'impronta delle grandissime menti, non volle ostacolare questa mia passione, per quanto essa potesse sembrare, specialmente a quei tempi, piuttosto aleatoria. Mi occorrevano gli strumenti per iniziare i miei studi e strumenti costosissimi. E fu mio padre a provvedere a tutto anche con sacrificio personale. (Alfani 1936, p. 9; Barsanti 1992, p. 5).

 

Riferimenti bibliografici citati nelle pagine di questa mostra

Alfani G. (1936).Confessioni quasi vere: Io e il terremoto, ne « La voce del Calasanzio. Rivista degli alunni ed ex-alunni delle scuole pie», IX (1936), 9, p. 9.

Archivio dell’Osservatorio Ximeniano di Firenze (AOX), Documenti e carteggio relativo, B XII Sismologia,19, Relazione di padre Alfani sul terremoto di Avezzano, cc. 12.

Barsanti D. (1992). P. Guido Alfani, Un grande studioso di sismologia tecnica (1876-1940), Osservatorio Ximeniano, Firenze, 433 pp.

Monticone S. [1949]. Guido Al/ani. Il padre dei terremoti, Alba, Edizioni Paoline, s.d. [1949].

 

Ma cominciamo dal principio: il giovane Alfani e il suo interesse per la sismologia.